15%

115.00 98.00

Manuale di diritto penale (parte generale) 2016

Descrizione

Il diritto penale continua a costituire in modo prepotente e appassionante, ma per vero non
più sorprendente, un ambito della scienza giuridica attraversato da cambiamenti profondi,
dovuti anche alla sempre più intensa interferenza che, con riguardo a principi ed istituti
centrali, spiega la disciplina sovranazionale (di diritto positivo e di creazione
giurisprudenziale), in specie unionale e della CEDU. Emblematico, sul fronte da ultimo
segnalato, quanto si sta registrando con riguardo alla compatibilità europea della disciplina
italiana in tema di prescrizione (Cedu, 7 aprile 2015, Cestaro; Corte giust., 8 settembre 2015,
Taricco; Corte app., Milano, 18 settembre 2015) , così come in merito ai rapporti tra diritto al ne bis in idem di fonte europea e ‘doppio binario’ sanzionatorio previsto dall’ordinamento nazionale nel settore tributario e delle informazioni di mercato (Trib Bergamo, ord. 8 ottobre 2015; Cass. pen., Sez. V, 15 gennaio 2015, n. 1782). Numerosissime, in una più ampia prospettiva, le novità di cui si è dovuto tener conto nell’approntare la dodicesima Edizione del Manuale. Tra le tante quelle relative ai rapporti tra principio di precisione e disastro ambientale anche alla luce della nuova disciplina introdotta con l. 2 maggio 2015, n. 68, tra interpretazione estensiva e analogia con specifico riferimento alla nozione di stampa e alla sequestrabilità del giornale telematico (Cass. pen., Sez. un., 17 luglio 2015, n. 31022), ai limiti all’analogia legis e all’estensione ai componenti della famiglia di fatto della causa di non punibilità ex art. 384 c.p. (Cass. pen., Sez. II, 4 agosto 2015, n. 34147), alla rivedibilità del giudicato in caso di declaratoria di incostituzionalità di disposizione non incriminatrice (Cass. pen., Sez. I, 10 febbraio 2015, n. 5973), alla successione di norme di dubbia natura processuale (Corte cost., 26 novembre 2015, n. 240, in tema di sospensione del processo con messa alla prova; Cass. pen, Sez. III, 15 aprile 2015, n. 15449 e Trib. Milano, Sez. XI, 3 novembre 2015, con riguardo alla speciale tenuità del fatto introdotta con d.lgs. 16 marzo 2015, n. 28); ai problemi successori posti dalla nuova riscrittura del falso in bilancio ex l. 27 maggio 2015, n. 69 (Cass. pen., Sez. V, 30 luglio 2015, n. 33774 e Cass. pen., Sez. V, ud. 12 novembre 2015), ai criteri di individuazione del locus commissi delicti nei reati informatici (Cass. pen., Sez. un., 24 aprile 2015, n. 17325), ai rapporti tra offensività e coltivazione di stupefacenti (Corte d’Appello di Brescia, 10 marzo 2015), tra dolo alternativo e dolo eventuale (Cass. pen., Sez. I, 30 aprile 2015, n. 18212), tra colpa e principio di affidamento (Cass. pen., 24 marzo 2015, n. 12260), tra continuazione e stupefacenti (Cass. pen., Sez. un., 28 maggio 2015, n. 22471), all’ammissibilità di un concorso colposo in delitto doloso (Cass. pen., Sez. IV, 6 marzo 2015, n. 9855), all’efficacia nel tempo della nuova disciplina della confisca antimafia (Cass. pen., Sez. un., 2 febbraio 2015, n. 4880). Significative le novità normative, tra cui quelle introdotte con d. lgs. 16 marzo 2015, n. 28 (non punibilità per speciale tenuità del fatto), l. 6 aprile 2015, n. 47 (in materia di misure cautelari personali), l. 2 maggio 2015, n. 68 (reati contro l’ambiente), l. 27 maggio 2015, n. 69 (reati contro la P.A. e falso in bilancio).

Informazioni aggiuntive

Peso 1.811 kg

Dettaglio prodotto

  • ISBN : 9788866576457
  • Anno di Pubblicazione : 2016

about the author